Bonsai: Ficus Benjamin

Ficus Benjamin

Ficus Benjamin

Bonsai: Ficus Benjamin. La più diffusa tra le specie di piante utilizzate per creare affascinanti bonsai.

Se volete avvicinarvi al mondo dei bonsai il Ficus Benjamin è di certo una delle piante consigliabili per un neofita di quest’arte antica. Il Ficus Benjamin è una pianta sempreverde diffusa nelle zone tropicali nonché in India ed in Cina e fa parte della famiglia delle Moracee, ordine Urticales, classe Magnoliopsida, divisione Magnoliophyta.

Fino ad oggi sono state classificate oltre 800 specie diverse di Ficus che si differiscono per alcune caratteristiche, il Ficus Benjamin fa parte di quelle specie capaci di sviluppare radici aeree, ovvero al di fuori del terreno.

In genere per Ficus Benjamin ci si riferisce ad un arbusto con foglie verdi lanceolate ed apice acuminato, non coriacee lunghe al massimo 12 cm; questa pianta può raggiungere anche i due metri di altezza. Con gli anni il Ficus Benjamin sviluppa le radici aeree che rassomigliano a vere e proprie liane che scendono dai rami più robusti donando, nell’insieme, a questa pianta un aspetto molto particolare ed affascinante.

BonsaiFicus

Per favorire lo sviluppo di queste radici, quando la pianta è tenuta in appartamento, sarebbe ideale tenere alto e costante il livello di umidità ambientale eventualmente con l’utilizzo di un nebulizzatore.
Nei tessuti del Ficus Benjamin sono presenti i cosiddetti canali lactiferi, poiché contengono una caratteristica linfa lattiginosa e densa; è bene dedicare alcune righe a questo particolare del Ficus poiché, nel caso di taglio o di incisione del tronco, di rami o di foglie, il contatto con la sostanza lattiginosa potrebbe provocare irritazioni cutanee o agli occhi. Si consiglia quindi di avere massima cura ed attenzione quando si effettuano le potature o le altre operazioni necessarie per dare la forma al nostro bonsai Ficus Benjamin.

Il tronco dei Ficus Benjamin si presenta snello e flessibile, la corteccia è solitamente liscia e dal colore chiaro anche se con il passare degli anni assume una colorazione leggermente più scura.

Ficus Benjamin

Ficus Benjamin

Dove coltivare il vostro Ficus Benjamin.
Per il Ficus Benjamin sarebbe ideale utilizzare terriccio permeabile lievemente acido, con Ph tra il 5 e il 6, che contenga una buona quantità di elementi nutritivi; questa pianta infatti non tollera terricci poco drenanti, in cui l’acqua tende a ristagnare nel vaso.

Il rinvaso del Ficus Benjamin dovrebbe essere effettuato ogni tre anni circa nel periodo primaverile, in genere questa operazione viene effettuata nel mese di maggio; per il rinvaso è bene utilizzare un composto formato da terriccio universale per il 50%, mentre la restante metà da suddividere in un 20% di sabbia, un 20% di torba e la restante parte di pomice per favorire il drenaggio dell’acqua.

Per dare la forma desiderata al Ficus Benjamin si possono utilizzare tiranti e legature come per la maggioranza delle piante bonsai ma è bene fare attenzione alla caratteristica molto malleabile del tronco del Ficus in quanto potrebbe danneggiarsi per legature troppo strette e, qualora non fossero rimosse o regolate in periodi brevi, potrebbero addirittura essere inglobate nel tronco danneggiandolo irreparabilmente.

E’ importante inoltre, come per tutti i bonsai, effettuare periodicamente lo strappo della foglia affinché la pianta ne produca di nuove, più numerose e di dimensioni via via sempre più piccole.

Infine è bene posizionare il vostro bonsai all’interno di un sotto vaso abbastanza ampio da poter contenere un letto di pietrisco a grana media; questo accorgimento servirà a mantenere alta l’umidità intorno alla pianta soprattutto se la teniamo all’interno di un appartamento.

Taggato , , , , , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

  • Ricerche Sponsorizzate

  • Link Sponsorizzato