Orologio da muro con Stambecco

Orologio da muro con Stambecco - Traforo

Orologio da muro con Stambecco – Traforo

Questo bellissimo orologio da muro è stato realizzato interamente in legno traforato. I pezzi sono stati prima disegnati su carta poi incollati sul compensato e quindi traforati con apposito seghetto.

Il traforo è un lavoro artigianale che consiste nel ritagliare e forare tavole di legno (compensato) di piccolo spessore (3 o 4 mm) con piccolissime seghette (meno di 1mm), seguendo un disegno. Una volta lavorati, i pezzi vengono levigati, verniciati e assemblati con colla apposita, in genere vinilica.

Tecnica di costruzione.

Dopo aver incollato la carta con il disegno dei pezzi sul pannello di legno da utilizzare si procederà a bucare, eventualmente con un trapano, tutti gli spazi vuoti del disegno che avremo scelto; il buco deve essere almeno di due millimetri di diametro in modo che ci si possa far passare la lama del seghetto. A questo punto siamo pronti a traforare il pannello di legno, ovvero utilizzare il nostro seghetto da traforo per eliminare tutti gli spazi vuoti del disegno scelto e ritagliare quindi il pezzo dal pannello di compensato.

Una volta ritagliati tutti i pezzi comincia il lavoraccio: innanzitutto si dovrà eliminare il disegno di carta incollato sui pezzi ritagliati, ciò può essere fatto carteggiando ogni pezzo con una carta vestrata a grana grossa, oppure con un pezzo di vetro sottile non levigato (si tratta di un vecchio ma efficace sistema per elimare il residudo cartaceo del disegno, ovviamente bisogna stare molto attenti nel maneggiare il pezzo di vetro.)

Successivamente i pezzi del nostro orologio dovranno essere carteggiati con carta vetrata a grana fine in modo da levigarne la superfice. Anche questo è un bel lavoraccio e vi assicuro che dopo i primi pezzi potreste cominciare a pensare di rinunciare e lanciare i vostri pezzi nel camino ma resistete, se riuscirete a superare questo scoglio il resto del lavoro sarà tutto in discesa a vi regalerà sicuaramente belle soddisfazioni. Infatti dopo le operazioni di levigatura è il momento del montaggio. Ogni pezzo dovrà essere ben pulito dai residui polverosi della carteggiatura tramite un pennello asciutto dopodiché potrete procedere a montare il vostro orologio unendo ed incastrando i pezzi; ovviamente, per rendere più compatto l’intero oggetto, è bene spennellare i punti di giuntura dei pezzi con della colla vinilica.

E’ bene tenere presente che la colla vinilica ci mette un po’ di ore ad asciugare definitivamente quindi dovrete avere un po’ di pazienza. Incollate i pezzi pochi alla volta in modo che sitano ben saldi tra loro e aspettate che la colla si sia ben asciugata prima di continuare con il montaggio degli altri pezzi se non volete rischiare brutte sorprese di “crolli” improvvisi. Potrete utilizzare delle mollette da bucato o fil di ferro rigido appositamente sagomato per tenere uniti i pezzi in attesa dell’asciugatura della colla.

A questo punto il vostro orologio ha preso la sua forma ma non è ancora finito; è vero che è già bello così ma per renderlo davvero presentabile ci sarà bisogno  di qualche mano di vernice trasparente per legno che renderà il legno del vostro orologio di un bel colore ambrato semilucido e soprattutto resistente all’umidità. Il vostro orologio è finito…ah no…dimenticavo l’orologio. In qualsiasi negozio di bricolage o decoupage potrete trovare il meccanismo vero e proprio dell’orologio, in genere a batteria, che potrete applicare ad una lamina di plastica appositamente ritagliata della forma circolare adatta ad essere incollata al centro della vostra opera d’arte per divenirne il quadrante.  Nel caso dell’orologio realizzato da me sono stati aggiunti dei fiori in plastica decorativi, uno stambecco intagliato a mano in un unico blocco di legno che potete ben vedere al di sopra del quadrante; allo stesso modo, sulla punta superiore è stato posizionato un fagiano, anche’esso intagliato a mano da un unico pezzo di legno.

A parte tutti i vari abbellimenti il disegno del vostro orologio potrete realizzarlo voi stessi con un po’ di fantasia e un po’ di pratica o cercare i disegni tra i rivenditori specializzati di modellismo.

In bocca a lupo!

 

Taggato , , , , , , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

  • Ricerche Sponsorizzate